Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Informazioni su studio e lavoro nel Victoria

 

Informazioni su studio e lavoro nel Victoria

Le seguenti pagine contengono informazioni mirate a cittadini italiani che intendono giungere in Australia per soggiorni di lungo periodo. Al fine di pianificare l’arrivo in Australia, si raccomanda di dare la massima attenzione a ogni indicazione del Governo australiano e di raccogliere il maggior numero possibile di informazioni, facendo affidamento esclusivamente a soggetti qualificati, evitando pagine internet amatoriali e non ufficiali, incluse quelle di sedicenti organizzazioni no‐profit.


INTRODUZIONE
Il Consolato Generale d’Italia non fornisce informazioni personalizzate su possibilità di lavoro o tirocinio in Australia. Per ogni domanda riguardante i visti per l’Australia occorre rivolgersi alle autorità australiane. Questa breve nota informativa è una prima indicazione su come muoversi e ricercare informazioni in rete. Per tutti, soprattutto per coloro che hanno già un lavoro in Italia e vorrebbero cambiare vita, vale una regola d’oro: l’Australia è un paese bellissimo, civile ed avanzato ma anche molto diverso dall’Italia, perciò prima di lasciare il nostro paese è importantissimo raccogliere informazioni e contatti.

FONTI INFORMATIVE
Le pratiche burocratiche per giungere in Australia possono essere tante e complesse, a seconda delle finalità per le quali si viene in questo Paese. Al fine di evitare confusione, si consiglia di affidarsi principalmente a fonti informative del governo australiano o enti
sponsorizzati dallo stesso governo. Per informazioni generali e per i visti, i siti ufficiali sono quello del “Department of Immigration and Citizenship” ‐ DIAC: www.immi.gov.au (in inglese) e quello dell’ente turistico nazionale: www.australia.com/it (in italiano).
I siti informativi e i servizi online per chi desidera trasferirsi in Australia appaiono in eccesso. Esistono numerosi blog, pagine Facebook e siti informativi non ufficiali sui quali è possibile reperire molte informazioni, la cui fonte non è sempre verificabile.
In Australia, la rete radiofonica SBS ospita un programma interamente dedicato alla tematica dell’immigrazione italiana. Per maggiori informazioni si può consultare il sito internet: http://www.sbs.com.au/yourlanguage/italian/home/page/.
Infine, il Consolato Generale ha un accordo di collaborazione con l’associazione NOMIT (http://www.italianimelbourne.com/), per fornire informazioni agli italiani che arrivano in Australia per la prima volta.

EMIGRARE IN AUSTRALIA
Per avere informazioni sui requisiti per ottenere un visto per l’Australia, consultare il sito del Department of Immigration ‐ DIAC (www.immi.gov.au) e dell’Ambasciata d’Australia a Roma (www.italy.embassy.gov.au; telefono 06.852721, fax 06.85272300, e‐mail: inforome@dfat.gov.au), oltre che sul sito sopraindicato www.australia.com/it.
Il programma d'immigrazione in Australia offre le seguenti possibilità:

  • Employer Sponsored & Skilled Migration (immigrazione di personale specializzato), che comprende un certo numero di categorie di persone specializzate o con particolare talento e capacità imprenditoriali;
  • Family Migration, per persone che possono essere sponsorizzate da un parente che abbia la cittadinanza australiana o la residenza permanente in Australia;
  • Returning Residents Migration, per ex‐cittadini o ex‐residenti australiani che desiderano tornare in Australia o, in alcuni casi, per cittadini neozelandesi. Per particolari figure professionali, che sono molto ricercate in Australia, il Dipartimento dell’immigrazione ha messo a punto un modello di visto, lo Skilled – Independent (Migrant) Visa (Subclass 175) (http://www.immi.gov.au/skilled/general‐skilled‐migration/175/) che consente un accesso privilegiato in Australia. Per accedere a questo visto è necessario soddisfare tre requisiti: età inferiore ai 50 anni compiuti, avere una conoscenza adeguata
    della lingua inglese, e rientrare in una delle categorie professionali, evidenziate in una speciale lista ministeriale (la SOL ‐ Skilled Occupation Lists, consultabile al seguente indirizzo web: http://www.immi.gov.au/skilled/sol
    Per maggiori informazioni: www.skillselect.gov.au.

MIGRATION AGENTS
In Australia operano agenti per l’immigrazione certificati dal Dipartimento dell'Immigrazione, che offrono servizi di consulenza a pagamento. Una lista degli agenti è consultabile al sito del “Migration Agents Registration Authority” (MARA): www.mara.gov.au. Un'agenzia d'immigrazione può consigliare il tipo di visto più consono al vostro caso; indicare i documenti necessari per presentare la domanda; fornire assistenza per la compilazione del modulo di domanda; presentare la domanda per vostro conto e fare da tramite con gli uffici competenti. Alcune agenzie hanno uffici anche in Italia. Prima di servirsi delle prestazioni offerte da questi ultimi è molto importante accertarsi che si tratti di agenzie regolarmente iscritte al sistema “MARA” e che applichino tariffe rientranti nella media approvata dal MARA. E’ sconsigliabile la consegna ad agenti d’immigrazione di documentazione personale che non sia strettamente pertinente al servizio rilasciato.
Si ricorda che per immigrare in Australia la consulenza dei “migration agents” non è  obbligatoria. E’ possibile portare a termine ogni pratica tramite il solo contatto con il Dipartimento dell’Immigrazione (DIAC – v. sopra). Si raccomanda di prestare massima
cautela e attenzione anche nei confronti di gruppi informali o organizzazioni no‐profit che propongono pacchetti di assistenza sotto forma di volontariato.


IMPARARE L’INGLESE
E’ indispensabile prestare massima attenzione alla conoscenza della lingua inglese che rappresenta il pre‐requisito essenziale per chiunque voglia cercare lavoro in Australia. La mancata o la scarsa conoscenza della lingua inglese preclude l’accesso alla totalità delle
offerte di lavoro. Le autorità locali forniscono informazioni sulle opportunità di studio della lingua inglese e, più in generale, sul sistema scolastico e accademico attraverso una pagina web: http://www.studymelbourne.vic.gov.au/ . Corsi specifici vengono offerti anche dalla Società Dante Alighieri.


VISTO VACANZE‐LAVORO
I cittadini italiani tra i 18 e i 30 anni compiuti possono ottenere un visto vacanze‐lavoro (Working Holiday Visa ‐ Subclass 417) valido per un anno, rinnovabile una seconda volta se nel primo anno si svolgono attività nelle zone rurali per almeno tre mesi. Il costo di questo visto è attualmente di 365 AUD, ma le tariffe e le condizioni mutano spesso. E’ importante quindi consultare il sito ufficiale per avere gli ultimi aggiornamenti: www.immi.gov.au/visitors/working‐holiday/index.htm. Il sito comprende anche la lista dei lavori stagionali nelle zone rurali. Per opportunità di lavoro in queste aree consultare il sito www.jobsearch.gov.au.

LAVORARE IN AUSTRALIA
Il mercato del lavoro in Australia ha regole rigide rivolte soprattutto a chi richiede impiego dall'estero. Le pratiche per i richiedenti dall'estero spesso vanno incontro a tempi lunghi, in ragione soprattutto dei numerosi adempimenti burocratici richiesti. In via generale, lavorare in Australia è consentito soltanto a chi parla un ottimo inglese ed è in possesso di qualifiche debitamente riconosciute ed equiparate o integrate con altri corsi sostenuti in loco. Per l'equiparazione o l'integrazione possono essere necessarie diverse settimane e in certi casi anche mesi, oltre che denaro. La seguente pagina internet contiene notizie utili per chi desidera il riconoscimento delle proprie qualifiche nel Victoria: http://www.liveinvictoria.vic.gov.au/information/skilled‐migrants.
Per chi ha svolto o svolge una professione/mestiere, può essere utile consultare il programma del governo federale australiano, “Trade Recognition Australia” (TRA): www.innovation.gov.au.
Il Consolato d'Italia non ha competenza in materia di normativa locale sul lavoro e sui vistilavoro e non è a conoscenza di offerte lavorative. Si tratta di questioni che ricadono nella sfera di servizi e attività delle nostre controparti australiane, alle quali è opportuno rivolgersi per raccogliere informazioni, a partire dal Dipartimento dell'Immigrazione che regola i flussi dall'estero (www.immi.gov.au).
Il visto è necessario e il lavoro nero è severamente punito. Esistono visti di lavoro subordinato, per formazione professionale e per imprenditori, investitori e senior manager, ma la condizione fondamentale è quella di trovare un’azienda australiana disposta ad assumere un lavoratore straniero. Chi ha intenzione di investire in Australia, può ottenere un visto come imprenditore.
I principali siti internet per ricerca lavoro sono: www.seek.com.au; www.careerone.com.au; www.mycareer.com.au; www.jobsearch.gov.au (sito governativo) www.jobnet.com.au (per specialisti IT). Se si possiede la qualifica di ingegnere si può cercare opportunità anche sul sito: www.engineeringjobs.net.au. Per lavori nel comparto minerario australiano, si può provare anche a contattare direttamente le società australiane del comparto (www.austmine.com.au/Directory).

RICONOSCIMENTO TITOLI DI STUDIO
Non esiste alcun accordo che permetta il riconoscimento automatico dei titoli di studio tra Italia e Australia e che quindi dia automatico diritto di lavorare in Australia. E’ in genere l’istituzione locale che decide l’equivalenza dei titoli. Non esiste un criterio univoco neppure
per il riconoscimento delle qualifiche professionali, anche se informazioni più precise possono essere ottenute dalle autorità locali (https://aei.gov.au/Services‐And‐Resources/Services/Assessment‐of‐Overseas‐Qualifications/OurAssessments/Pages/default.aspx e http://www.liveinvictoria.vic.gov.au/employingoverseas‐talent/settle‐and‐retain‐new‐workers/the‐overseas‐qualifications‐unit)

COPERTURA SANITARIA
Nel Victoria ed in Tasmania il livello delle strutture sanitarie è elevato, con personale qualificato sia nel settore pubblico sia in quello privato. In generale i costi sono molto alti e occorre anticipare le spese che sono in parte rimborsabili dal sistema sanitario pubblico,
Medicare. Per accedere al servizio sanitario nazionale occorre dimostrare di essere residenti in Italia ed essere iscritti al servizio sanitario italiano, esibendo il passaporto e la tessera sanitaria nazionale italiana agli sportelli di Medicare (equiparabili alle nostre ASL). Ulteriori informazioni sono messe a disposizione dal Ministero della Salute italiano:  http://www.salute.gov.it/portale/temi/getStampaSePartoPer.jsp?paese=Australia&motivo=Lavoro&categoria=Libero%20professionista%20e/o%20Familiare%20a%20carico.
L’iscrizione, in base ad un accordo fra Australia e Italia, garantisce l’accesso al serviziosanitario australiano per la durata di 6 mesi, senza pagamento di alcuna spesa, a tutti i cittadini italiani che hanno un visto per soggiornare in via temporanea in Australia.
Prima della scadenza dei sei mesi è consigliabile stipulare una copertura assicurativa privata, qualora non si abbia diritto a ulteriore pieno accesso al sistema Medicare (diritto stabilito in base alla tipologia di visto di cui si è titolari). Si ricorda che il diritto alla copertura semestrale decorre ex novo a partire da un secondo eventuale re‐ingresso nel territorio australiano.
Per ulteriori informazioni, è possibile visitare il sito: www.medicareaustralia.gov.au.

DIRITTI E DOVERI DEI LAVORATORI
Il FWO (Fair Work Ombudsman) è l’autorità preposta alla regolamentazione dei rapporti di lavoro. Per chi concluda un contratto di lavoro, anche stagionale, è consigliabile visitare il sito dell’organizzazione per una descrizione degli aspetti principali della normativa del lavoro in Australia, quali il pagamento dei salari, gli straordinari, le tasse, i contributi pensionistici. FWO è anche l’autorità alla quale si possono denunciare casi di sfruttamento e irregolarità sul lavoro: www.fairwork.gov.au

INSEGNARE ITALIANO IN AUSTRALIA
In Victoria ed in Tasmania, così come nel resto dell’Australia, non esistono scuole italiane. Il Consolato Generale non dispone di informazioni dettagliate su corsi e altri requisiti richiesti per l’insegnamento in Victoria e Tasmania. Maggiori informazioni sono contenute sul sito governativo ( http://www.vic.gov.au/education/teachers‐teaching/teacherregistration‐qualifications.html).
A Melbourne opera un Ente gestore di corsi di lingua italiana che assume insegnanti di italiano a tempo pieno o parziale:
CO.AS.IT
189 Faraday St Carlton VIC 3053
Tel.: +61 3 9349 9000
Email: coasit@coasit.com.au

RICERCA SCIENTIFICA
L’Australia valorizza le capacità professionali scientifiche e tecnologiche per cui è possibile trovare un impiego presso un’università o un centro di ricerca per chi è in possesso di un curriculum professionale valido. Occorre cercare con pazienza tra tutte le università per
vedere se ci sono posizioni aperte. Un punto di partenza per orientarsi in questo mondo è il sito web dell’Ufficio dell’Addetto Scientifico dell’Ambasciata italiana: www.adsciencanberra.org. Per offerte di lavoro nel settore scientifico, consultare New Scientist edizione Australasia: http://jobs.newscientist.com.

LAVORO PRESSO AZIENDE ITALIANE
Esistono diverse aziende italiane in Australia con propri uffici commerciali o di rappresentanza, il cui personale è però quasi interamente assunto localmente. Una lista di aziende italiane presenti in Australia è disponibile sul sito web dell’Ambasciata (sezione
cooperazione economica).

LAVORO PRESSO AMBASCIATA E CONSOLATI
E’ necessario superare un concorso pubblico per dipendente di ruolo. I concorsi si svolgono a scadenze irregolari presso il Ministero degli Esteri. I bandi vengono pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale e su www.esteri.it. Le sedi locali assumono anche personale a contratto (anche questi solo in base alle necessità), sempre con concorso pubblico. Il requisito essenziale è la residenza nel paese estero da almeno due anni e la perfetta conoscenza dell’inglese.

TIROCINIO PRESSO IL CONSOLATO
Non sono al momento disponibili posizioni per tirocinanti presso il Consolato Generale d’Italia a Melbourne.

PASSAPORTO, CARTA D’IDENTITÀ E PATENTE
In caso di furto, smarrimento o scadenza dei documenti italiani Il Consolato Generale è abilitato al solo rilascio dei passaporti o di documenti provvisori di viaggio (ETD). I cittadiniche ricevono un nuovo passaporto debbono ottenere un nuovo visto di rientro (re‐entry visa), prima di lasciare il paese. L'ufficio preposto è il Foreign Office, Immigration Department ‐ 2 Lonsdale St ‐ Melbourne VIC 3000.
E’ fortemente raccomandato ai cittadini italiani che giungono nel Victoria per soggiorni di lungo periodo l’ottenimento di una carta d’identità australiana, la c.d. “Proof of Age” che si può ricevere in circa due settimane presentando domanda presso gli uffici della
Motorizzazione del Victoria (www.transport.vic.gov.au/licensing/).
La patente italiana è valida per guidare in Australia, così come la patente di guida internazionale. Alcune categorie di visitatori stranieri possono anche ottenere una patente australiana presso l’ufficio della motorizzazione di Melbourne.

QUALI ALTRI SERVIZI OFFRE IL CONSOLATO GENERALE D’ITALIA A MELBOURNE
Per una panoramica completa dei servizi del Consolato Generale, è possibile consultare il sito www.consmelbourne.esteri.it. Il Consolato Generale diffonde informazioni anche tramite Facebook e Twitter come “Consolato Melbourne”.


Autore:

MC

96